Da Vedere a Cinisello Balsamo

Turismo a Cinisello Balsamo

La Chiesa nuova di San Martino Vescovo a Cinisello Balsamo nasce dalla voglia di accogliere quanti più fedeli all'interno di una struttura religiosa come conseguenza all'aumento della popolazione nel territorio; il progetto e l'inizio della costruzione, avvenuta in piazza Soncino, risalgono agli anni Sessanta del Novecento.

Il Santuario di San Martino Vescovo (peraltro patrono di Cinisello Balsamo) è nato invece nel Cinquecento: vi si trovano alcuni affreschi e statue quali quella di Sant'Anna e di San Martino Vescovo oltre alle reliquie di Balsamo Abate, Carino Pietro da Balsamo e di San Saturnio Martire.

Per quanto concerne la Chiesa di Sant'Ambrogio, essa si situa in piazza Gramsci lì dove un tempo sorgeva un'altra Chiesa più antica. Ha mutato il suo aspetto, migliorandolo, per via di interventi con i quali si aggiunsero due ali laterali e si ricostruì l'altare insieme con la realizzazione di una vetrata policroma collocata dietro l'abside.

La Chiesetta di Sant'Eusebio è sorta a cavallo tra il Seicento e il Settecento e venne dedicata al Vescovo di Vercelli. Ha tutti i connotati della basilica paleocristiana. Ricordiamo infine della Chiesetta di San Bernardino, della Chiesa di Santa Margherita e di quella di San Pietro Martire.

Sempre a Cinisello Balsamo consigliamo una visita al Museo di Fotografia Contemporanea, in Via Frova.